Bonus casa 2013

In tantissimi ci hanno scritto per avere informazioni inerente ai bonus casa 2013. Effettivamente, ad oggi, non esiste una guida che indichi il cittadino quali strade perseguire e quali le modalità di richiesta e rimborso dei lavori inerenti la propria abitazione. Cercando di entrare nel dettaglio di quanto sopra indicato, il nostro obiettivo è quello di fornire ai lettori un quadro generale inerente ai bonus casa e vedere le aree di intervento su cui possiamo richiedere effettivamente l'utilizzo di tali bonus. Partiamo con ordine:

Per quel che concerne i lavori di ristrutturazione della propria abitazione, il rimborso previsto è pari al 50%.
Per interventi all'immobile atti a rendere lo stesso anti-sismico, il rimborso sarà nella stessa misura del 50% del capitale investito.
Stesso discorso per quel che concerne l'acquisto della mobilia destinata all'abitazione, rimborso pari al 50% della spesa effettuata.
In merito alla riclassificazione energetica, infissi, porte, caldaie e tutto ciò che comprende l'efficenza energetica in generale della nostra abitazione, il bonus previsto sarà pari al 65% della spesa sostenuta. (caldaie escluse).

Quali sono i tetti massimi di spesa per tali operazioni?

Per chi ha intenzione di ristrutturare la propria abitazione, il tetto massimo di spesa per usufruire della detrazione del 50% è pari a 96.000€ (novantaseimila) annui. Tale rimborso verrà erogato dallo Stato per la durata di 120 mensilità (10 anni x 12 mensilità).

Lo stesso discorso vale per gli interventi necessari a rendere l'immobile sicuro pre/dopo un evento sismico.

Per quel che riguarda i mobili acquistati per arredare la propria abitazione, si usufruisce del bonus del 50% fino ad un tetto massimo di spesa di 10.000€ (diecimila).

Il tetto massimo di spesa per la riqualificazione energetica degli immobili già esistenti è pari a 154.000€ (centocinquantaquattromila). Infissi, tetti, coimbentazione ambientali, panneli solari, etc, fissano il massimo di spesa a 60.000€ (sessantamila). Per le sostituzioni di impianti di riscaldamento con caldaie a condensazione, il tetto massimo di spesa è fissato in 30.000€ (trentamila).

Modalità di richiesta rimborso

Possono richiedere i rimborsi tutti i titolari degli immobili a cui si applicano le lavorazioni sopra indicate; tutti i soggetti che usufruiscono di un immobile in affitto, comodato, usufrutto e/o nuda proprietà.

Per tutti questi soggetti sarà possibile richiedere il rimborso per tutti i lavori sostenuti dal periodo 1 luglio 2013 al 31 dicembre 2013 purchè documentati da bonifici bancari contenenti le causali, i corretti aumentari, partita iva e/o codice fiscale vostro e/o di chi ha compiuto il lavoro.

03 / 06 / 2013



Ultimi aggiornamenti

Contatti

Per contattare la redazione del sito Ecodeldenaro scrivere all'indirizzo email ecodeldenaro@gmail.com

 

Buone Feste

FISCO E TASSE
i termini ricorrenti:

17 / 09 / 2011





 
www.ecodeldenaro.it di Ilie Maneschi - email ecodeldenaro@gmail.com -